RITA MASCIALINO, DANTE E LA SVALUTAZIONE DELLA DONNA

Rita Mascialino, Dante e la svalutazione della donna 

Immagine: veronissima.com

 

 

In questo studio, facente parte della ‘Trilogia Dantesca’ (riferimenti: saggio Dante di Rita Mascialino, Cleup Editrice Università di Padova 2021 in occasione del Settecentenario della morte di Dante), verrà riservato il maggiore spazio all’esegesi del sonetto Tanto gentile e tanto onesta pare ritenuto fondamentale per la comprensione della sfaccettata immagine della donna in Dante accanto alla citazione di passi significativi del De vulgari eloquentia. Molto rilevante è per il significato del pezzo la semantica convogliata dai termini visti nella loro diacronia, ossia tenendo conto sia del loro lungo e viaggio nel tempo, sia dell’evoluzione continua del loro nucleo più primitivo, il quale ne ha formato lo schema spaziale spesso ancora riconoscibile nel suo abbozzo disegnato incisivamente o più debolmente, ma sempre ancora individuabile.

Chiarendo ulteriormente: nelle epoche e nelle culture il significato del linguaggio – per quanto si sa e si ipotizza circa la sua origine – varia molo più lentamente di quanto si possa ritenere. L’originaria spazialità dinamica intrinseca a un significato o l’altro non si cancella in tempi brevi o medi e rimane in linea di massima abbastanza costante come scheletro di molti concetti il quale, pur ottenendo talora nel viaggio attraverso le epoche contorni più sfumati, resta oggettivamente identificabile nelle principali coordinate resistendo anche per tempi molto estesi, ciò in linea di massima. Le lingue dunque conservano la loro impostazione generale e anche particolare al di là delle modificazioni cui vanno incontro nel corso delle epoche. Anche il latino classico, comprensivo delle infiltrazioni dalle varietà del latino parlato e con i prestiti in primo luogo dal greco, continua a vivere, pur modificato nell’evoluzione durante i secoli, nella lingua italiana, di cui forma la base e l’apparato generale e particolare di lessico e morfologia.

Iniziando l’analisi, spicca in special modo la presenza della complessa semantica del verbo italiano parere, dal latino pareo-es-parui-paritum-parere, fondamentale per la comprensione dell’immagine della stessa per come risulta dal testo del sonetto, dall’analisi profonda dei termini e dei concetti in essi espressi. Il significato del verbo parere viene in generale interpretato dai critici più autorevoli e da coloro che vi si affiancano, mettendo in evidenza come esso nel Medioevo e quindi in Dante avesse un significato diverso da quello assunto nelle epoche successive fino a quella attuale. Questa posizione, conformisticamente accettata dalla critica di cui sopra il cenno, non viene condivisa nel presente studio per aspetti rilevanti ed è rivista sulla base di approfondimenti della semantica intrinseca al verbo.

Punto di riferimento rappresentativo per la varia critica relativamente alla diversa interpretazione qui data al verbo parere è l’opinione dell’autorevole critico letterario e filologo Gianfranco Contini (Domodossola 1912-1990) come dalla sua interessante e convinta esegesi (Renatomastro1954.files.wordpress/2014/03/contini-tanto-gentile-e-tanto-onesta-pare.pdf).

Testo del sonetto Tanto gentile e tanto onesta pare (Rossi a cura di 2016: 135:136):

(1)Tanto gentile e tanto onesta pare/

(2)la donna mia quand’ella altrui saluta/,

(3)ch’ogne lingua devien tremando muta/

(4e gli occhi no l’ardiscon di guardare./

 

(5Eella si va, sentendosi laudare,/

(6)benignamente d’umiltà vestuta,/

(7)e par che sia una cosa venuta/

(8)da cielo in terra a miracol mostrare./

 

(9Mostrasi sì piacente a chi la mira,/

(10)che dà per gli occhi una dolcezza al core,/

(11)che ‘ntender no la può chi no la prova;/

 

(12)e par che della sua labbia si mova/

(13)uno spirto soave pien d’amore,/

(14)che va dicendo all’anima: sospira.

 

Occupandoci del chiarimento semantico dell’italiano parere, esso è dunque l’evoluzione diretta del verbo latino pareo-parere, tra gli altri significati apparire alla vista fisica e in senso traslato. Si legge al proposito (Renatomastro154, op. cit., 24): «essenziale anzi, determinare che pare non vale già ‘sembra’, e neppure soltanto ‘appare’, ma ‘appare evidentemente, è o si manifesta nella sua evidenza’». È il caso qui di sottolineare che, per quanto ciò che appare appaia evidentemente o si manifesti nella sua evidenza, l’apparire, in se stesso, non è mai andato esente, né può andare esente né lo potrà dalla semantica del sembrare, come andiamo a constatare in dettaglio.

Si rende opportuno al proposito inserire un cenno parallelo di analisi del concetto dell’apparire come inteso nell’antichità già dai filosofi presocratici fino ai giorni nostri, fermandoci a Platone e Aristotele in quanto la loro conoscenza era al centro della cultura scolastica, ecclesiastica, medioevale, tra gli altri attraverso Severino Boezio, Aberto Magno e San Tommaso d’Aquino, filosofi il cui pensiero era noto a Dante. Sintetizzando: un tema del pensiero filosofico antico e medioevale – ribadendo: fino a Kant e ai giorni nostri – era proprio il contrasto tra l’apparire da un lato e l’essere o la sostanza o l’essenza e simili dall’altro, ossia la differenza tra il fenomeno e il noumeno, tra la realtà apparente e la verità della conoscenza oltre l’apparenza fornita dall’esperienza dei cinque sensi ingannevole e contraddittoria per quanto potesse apparire evidentemente. Può essere utile alla comprensione dell’argomento anche la digressione qui di seguito inserita. Il latino videor è sia deponente con diatesi attiva nel senso di sembrare, sia come vero e proprio passivo di videovedo, nel significato di essere visto. Sembrare alla vista ed essere visto, ossia essere evidente in quanto visto, sono espressi in un medesimo verbo collegato all’essere visibile in senso concreto ed esteso ed è il contesto linguistico e concettuale dal punto di vista logico a decidere quale delle due sfumature semantiche sia quella più opportuna. Nel testo del De vulgari eloquentia (Coletti a cura di 1991/2018) Dante usa videtur sia come deponente, sembra, sia come passivo di videoviene-è visto, quindi nel significato di è evidenteappare, passi in cui risultano per altro più o meno corrette sia l’una che l’altra sfumatura – si tratta infine di uno stesso verbo. In altri termini: quanto in latino classico o medioevale – pareo e videor – o diacronicamente in volgare italiano o nell’italiano attuale abbia a che fare, come sua base, con l’apparire alla vista, aree sinonimiche comprese, può essere vero o meno vero per quanto evidentemente possa parere quindi sembrare vero e anche esserlo, ma anche non esserlo, questo è il problema semantico centrale intrinseco al concetto espresso dal verbo pareo, apparire, anche da videor nelle due accezioni di sembrare e di essere visto che si compenetrano nel profondo della loro spazialità. Come accennato, a Dante erano note le tonalità semantico-concetttuali intrinseche all’apparire e al parere, compresa quella relativa al sembrare, come risulta dall’uso di tale verbo nei vari contesti delle sue opere. In aggiunta segue qui una nota relativa all’italiano. Anche l’evidenza scientifica o prova – dal latino evideorapparire interamente da lontano, coniugato come il deponente videorsembrare – non è definitiva, né assoluta, ma relativa, ossia può sembrare una prova e non esserlo, ciò che sta alla base della possibilità di progresso delle conoscenze ed evidenze.

La breve digressione per rilevare ancora come la problematica intrinseca all’area semantica dell’evidenza, dell’apparire con evidenza o evidentemente come in Contini e critica a lui consimile, abbia alla sua base l’apparire anche come possibile sembrare non a partire dall’attualità, ma sin dall’antichità a oggi pur con le sfumature relative ai diversi filosofi e studiosi. In altri termini: per sottolineare come l’essere evidente e il sembrare facciano parte di un unico molto complesso sguardo sul mondo al di là delle più immediate ed evidenti o superficiali considerazioni ed esistito come minimo dai primi filosofi per così dire ufficiali della grecità.

Tornando al significato cosiddetto medioevale di parere-apparire, escludente il significato del sembrare secondo Contini come pure secondo la generalità della critica che condivide la sua autorevole opinione, risulta per lo meno sorprendente, se non impossibile, che nel Medioevo, in Dante che scriveva opere non solo in volgare italiano, bensì anche in latino medioevale, il significato di pareoapparire alla vista con chiarezza, ma, come qui sostenuto, anche nella sfumatura di sembrare implicita e connaturata all’apparire alla vista, abbia interrotto d’un tratto nel volgare italiano medioevale la sua lenta diacronia semantica per riprenderla poi nell’evoluzione linguistica successiva al Medioevo – perché anche oggi parereapparire ingloba immancabilmente il sembrare. Per chiarire ulteriormente: un po’come se si fosse creata sul piano analogico una – impossibile – pausa o, detto con una catacresi, enclave semantico-temporale per parere privo del significato di sembrare da sempre rappresentato come la storia del pensiero umano dimostra e più sopra accennato, ossia come se la spazialità semantica originaria latina avesse interrotto in seno al Medioevo il viaggio nel tempo e fosse ricomparsa nella sua originaria integrità esplicita e implicita dopo il Medioevo fino ai giorni nostri.

In ogni caso, nel Medioevo il verbo parere come risulta in questo studio, secondo i contesti in cui esso si trova, è inteso regolarmente nelle varie prospettive semantiche, ivi compresa quella del sembrare, come ad esempio in Dante, tra l’altro anche nella ‘Canzone Prima’ Voi che ‘ntendendo il terzo ciel movete (Giunta a cura di 2019: 103-104), ciò anche se l’interpretazione di Contini viene sempre ritenuta valida dai critici successivi:

(58) che non ti paian d’essa bene acorte,/

 Nella parafrasi (Giunta a cura di 2019: op. cit., 102):

Che non ti sembrano afferrarne (…) il senso

dove il significato di apparire evidentemente in paian non avrebbe alcun significato, parafrasi esplicativa che ben rende la particolare polisemia di parere dal punto di vista del sembrare espresso nel verbo parereapparire – forse potrebbe essere valido anche il congiuntivo sembrino in piena corrispondenza con il congiuntivo dantesco paian. Si potrebbe obiettare che il contesto testuale del sonetto rispetto a quello della citata Canzone siano diversi, ma Contini parla di significato medioevale diverso in generale, non relativo a contesti vari.

Segue dunque l’analisi del significato di tale verbo parere nei versi citati.

(1)Tanto gentile e tanto onesta pare/

(2)la donna mia quand’ella altrui saluta,/

La donna pare e appare gentile e onesta quando saluta, ciò che rappresenta, a livello conscio o inconscio ma non meno vero o anche più vero in seno alla creatività artistica nella fattispecie, una relativizzazione e limitazione del suo apparire tanto gentile e tanto onesta: appare o anche si manifesta gentile e onesta quando saluta, non in generale e questo è un dato di fatto, testuale e letterario, logico e artistico come si voglia intendere. Insistere sulla grande evidenza, come in Contini e seguaci, inserirebbe per altro, per quanto vagamente, anche una certa ostentazione del suo essere gentile e umile, con ciò divenendo il contesto incoerente per qualche verso, forse anche con qualche frangia di risibilità.

Passiamo al secondo par nel settimo verso in cui esso, ancora con soggetto sottinteso ella in coordinazione alla principale, regge una proposizione secondaria:

(7)e par che sia una cosa venuta/

(8)da cielo in terra a miracol mostrare./

 

Nei due versi (7) e (8) il significato di parere come apparire evidentemente o mostrarsi evidentemente, intendendoli privi dell’accezione del sembrare, risulta secondo questo studio scarsamente accettabile e attendibile, come andiamo a chiarire.

L’insistenza nell’interpretare l’immagine di Beatrice sulla più evidente evidenza scevra da ogni sembrare ne farebbe quasi una presenza di cosa o fenomeno venuto realmente dal cielo a mostrare la potenza di Dio. Dante avrebbe anche potuto pensarla effettivamente così, ma non lo ha fatto: si tratta solo di un senso esteso di parere come metafora, come iperbole poetica relativa al reale, ossia Beatrice, medioevalmente e dantescamente parlando, pare-appare-sembra per la sua suprema bellezza un’apparizione inviata da Dio a salutare i passanti, ma nulla nel testo c’è che rimandi ad un vero miracolo relativo a qualcosa che sia stato inviato concretamente da Dio, si tratta, ribadendo, di un concetto metaforico.

La critica di Contini appare, con tutto il reiterato rispetto per l’autorevolezza del critico, non esente da qualche discutibilità ulteriore. Ad esempio (Renatomastro154, op.cit., 28), si trova l’affermazione secondo la quale da un lato il verbo parere nelle terzine della poesia sottolineerebbe l’evidenza dell’apparire di Beatrice e dall’altro qualunque visualizzazione [sarebbe] estranea alla figurazione dantesca, ossia: da un lato vi è l’apparire con grande evidenza alla vista, dall’altro contemporaneamente vi è l’inadeguatezza di una qualsiasi possibile visualizzazione della sua apparizione, ciò che è la negazione o la relativizzazione dell’apparire evidentemente alla vista. Puntualizzando: il termine figurazione è direttamente collegato alla possibilità di visualizzazione, ciò con cui l’estraneità della visualizzazione relativa all’immagine di Beatrice non può sussistere se non in una contraddizione. Si legge inoltre come l’apparire di Beatrice riguardi un’incarnazione di cose celesti (Renatomastro154, op.cit., 29), ciò con cui viene espresso il corrispondente effetto visibile – anche e soprattutto l’incarnazione, non solo la figurazione, implica la possibilità di visualizzazione di quanto incarnato. Vi sono inoltre non poche interpretazioni particolari che si allontanano dal testo. Ad esempio, il termine donna, dal latino domina, ossia padronasignora, sia in sé, sia in quanto riferito a Beatrice che è di genere femminile, diviene termine con desinenza femminile puramente grammaticale, in cui il genere non segna opposizione (Renatomastro154, op.cit., 24), ciò in una concettualizzazione che non trova conferma in seno al testo e al significato del sonetto, ma solo trova fondamento in idee sovrapposte al testo e ritenute in questo studio arbitrarie. Per Contini basta che in portoghese si possa usare il maschile anche per il femminile, ossia signore per signora, che anche in Dante il femminile diviene solo genere grammaticale, mentre in realtà – realtà secondo Contini –   la donna, Beatrice, acquisisce significato nel suo valore maschile. Un termine maschile onorifico per la donna il quale forse doveva nobilitare la donna, un essere in sé di scarso valore come tale visto che acquisisce valore con il genere maschile, cosa non solo assurda, ma anche offensiva a parte l’eventuale significato allegorico. L’idea che donna, chiaramente femminile nel testo dantesco del sonetto si possa riferire al femminile come desinenza grammaticale e non realmente ad un femminile relativo a Beatrice trova, per così dire, un senso qualora il critico voglia implicitamente legittimare la propria opinione non oggettivamente fondata nel testo secondo la quale Beatrice viene considerata allegoricamente una figura cristologica, ossia in ogni caso maschile, ciò che qui non si condivide in considerazione di quanto sta nella semantica del testo linguistico specifico del sonetto. Così anche sull’analogia di un dettaglio – gente che correva o accorreva per vedere Cristo quando passava – si è costruita, in seno al tentativo di spiegare la figura di Beatrice con allegorie e riferimenti allegorici, l’interpretazione di Beatrice quale figura riferibile a Cristo. Non pare per altro che Cristo elargisse saluti, bensì risulta dalle testimonianze che parlasse ai popoli, mentre la bellissima Beatrice non dice cosa alcuna nel sonetto, solo sì, essa saluta a destra e a manca in tutta umiltà per quanto consapevole ovviamente della sua sfolgorante bellezza capace di far sognare chi la guardasse. Questo per dire che non c’è una sola cosa che possa giustificare quello che qui appare come l’ingiustificabile, solo la costruzione esteriore resta a disposizione di tale tipologia di critica peraltro autorevolissima. Certo, Beatrice nella Divina Commedia è guida di Dante nel Paradiso, così come nelle esegesi fondate sulle allegorie essa diviene la personificazione della Filosofia e della Teologia, nonché emanazione della Trinità in Dante stesso per via di simbologie numerologiche o allegoriche, non però per via della ragione che resta appannaggio di Virgilio, un maschio.

La lunga premessa sul verbo pareo-parere-apparire nel celebre sonetto che dovrebbe angelicare Beatrice e che invece, nel profondo, non nei sensi allegorici, inciampa per così dire appunto nella complessa semantica intrinseca indelebilmente nell’uso comune e filosofico a pareo-parere-apparire, onde giungere alla doppia valutazione della donna da parte di Dante.  Di fatto, nella visione del mondo più realistica e meno poetica di Dante sta inequivocabilmente una non lieve svalutazione della donna, se non addirittura la detrazione della donna come essere inferiore all’uomo nell’intelligenza, nella personalità, come molto esplicitamente nel De vulgari eloquentia ad esempio e non solo.

Aggiungo un chiarimento sulla denigrazione della donna che poteva o forse doveva essere comprovato da Dante per un motivo diverso, ossia per il fatto che avesse parlato con il demonio con tutte le conseguenze del caso rispetto al discorso di Adamo con Dio, ma Dante non considera tale evento più che in una breve citazione e questo in quanto non sta in esso il fatto che Ev, secondo Dante, abbia parlato per prima come nel lapsus che resta sempre tale, da qualsiasi parte si osservi il testo dantesco. Nella Genesi si dice anche che Dio fornì ad Adamo alla sua creazione il linguaggio, appunto quando Eva non era ancora stata creata e non poteva aver parlato per prima. Dante invece dimentica la nominazione delle specie da parte di Adamo e l’esclamazione di gioia alla vista della compagna che Dio gli ha dato – il parlare assomma in sé tutte le forme dell’eloquio, non solo quella del dialogo o della comunicazione o altre – e dice espressamente che a parlare per prima sia stata  una donna, la presuntuosissima Eva, ciò che non trova riscontro alcuno nel testo biblico, mentre Eva ha parlato al di là di ogni equivoco per seconda, per di più con il diavolo, non con Dio. Dante nella sua sembra ferrea volontà di denigrazione della donna sbaglia, mi permetto di dire sulla base delle sue affermazioni a proposito del primo e del secondo confondendo la successione degli eventi (Coletti a cura di, De vulgari eloquentia 2017: 8-9, 14-15) e, trasportando il discorso dal particolare all’universale, ossia da Adamo ed Eva al genere umano, contestando così la parola di Dio per come risulta dalle Sacre Scritture:

“(…) Ma anche se nelle Scritture si trova che ad aver parlato per prima [ciò che non sta nelle Scritture] è stata una donna, è egualmente più ragionevole credere che ad aver parlato per primo sia stato un uomo; e, in effetti, non è congruo pensare che un così, egregio atto del genere umano sia opera prima di una donna che di un uomo. Ritengo perciò ragionevole che allo stesso Adamo sia stato dato il parlare per primo da Colui che proprio allora lo aveva plasmato (…) ” 

Dante contesta dunque ciò che nella Bibbia è esplicito e in ciò, nell’eco, anche Dio stesso che secondo lui avrebbe dovuto far parlare Adamo per primo – ciò che ha fatto effettivamente al di là dell’abbaglio dantesco.  Ribadendo, nelle Scritture si trova inequivocabilmente che sia stato Adamo ad aver parlato per primo: Adamo parla – vedi nomi degli animali – quando ancora non esisteva Eva, ossia quando Eva non era ancora stata plasmata dalla sua costola, e, quando Adamo parla felice di aver ricevuto una compagna, Eva non ha ancora aperto bocca. Come mai un abbaglio così clamoroso, ci si deve chiedere a questo punto? Credo che l’errore sia avvenuto per il fatto che Eva abbia comunque parlato rispondendo al serpente e a Dio mentre forse secondo il pensiero, inespresso consapevolmente, di Dante sarebbe dovuta stare zitta, parola di Eva che deve aver offuscato la vista dantesca al di là di ogni desiderio allegorico, dico forse per questo, non trovo altre cause plausibili per un errore tanto assurdo in un esperto di religione, Bibbia e simili. Un lapsus freudiano in piena regola. Per eccellenza, degno della grandezza e della visione del mondo di Dante. Per altro, ciò con cui concordo pienamente, anche il curatore del De vulgari eloquentia, Vittorio Coletti, cita nella nota N. 1 del IV Libro (107), il lapsus di Dante senza entrare in maggiori dettagli. In ogni caso la versione di Eva che avrebbe parlato per prima sta solo in Dante e in qualche suo commentatore che non vuole ammettere l’errore, il lapsus. Ribadendo: è possibile ritenere che una tale novità straordinaria della traduzione biblica non si trovi anche in qualche altra versione volgarizzante della Bibbia e soprattutto non stia nell’originale biblico tradotto in italiano testo a fronte da Samuele Davide Luzzatto (1858) sulla base dell’originale biblico e greco e di ulteriori testi nonché interpretazioni? Luzzatto nella sua traduzione mette suoi chiarimenti ritenuti opportuni tra parentesi proprio perché non possano essere considerati come facenti parte del testo originale, tanto è il rispetto della semantica, della verità dei testi nella metodologia esegetica rabbinica. Ritengo che sia da escludere assolutamente, conoscendo appunto  il fulcro dell’esegesi rabbinica che è l’adesione alla lettera, il ritorno costante durante l’interpretazione alla lettera del testo in traduzione e interpretazione per non lasciarsi andare a scostamenti dal significato del testo – lettera da non confondersi con il concetto di letteralità la quale può non tener conto della polisemia del linguaggio.

Dopo il chiarimento sul fraintendimento dantesco, torniamo al celebre sonetto. In esso comunque la donna sembra tutto e non è niente, sembra tutto nell’irrealizzato sogno dantesco del femminile, il quale è capace di trasfigurare Beatrice con la propria arte suprema della poesia.

Venendo dunque all’ultima terzina (12-14) il terzo par regge una secondaria soggettiva che contiene il sostantivo labbia:

(12)e par che della sua labbia si mova/

(13)uno spirto soave pien d’amore,/

(14)che va dicendo all’anima: Sospira//

Labbia è termine derivato dal latino (labium)labia-labiorum, (labbro)labbra confluito nel volgare italiano con l’uso di labbia al singolare nel senso di volto. Che uno spirito d’amore appaia evidentemente e si mostri evidentemente muovendosi dal volto o dalla fisionomia generale della donna (Renatomastro154., op. cit., 22-25) e dica di sospirare all’anima di chi veda tale spirito pieno d’amore sfocerebbe nel risibile, risibilità che, ovviamente, potrebbe anche esserci in Dante dato che nessuno è infallibile, ma che non c’è e scompare completamente qualora il verbo parere, che ha per soggetto la frase secondaria soggettiva retta dalla congiunzione ipotattica che, sia inteso nell’accezione semantica del sembrare, d’uso legittimo anche nel Medioevo e già da sempre dalla latinità fino ad oggi e che si può ritenere lo sarà anche domani e dopodomani e così via, viste le caratteristiche concettuali dell’apparire, dell’essere evidente, visibile. Per altro la presenza del congiuntivo si mova (12) aggiunge ulteriore incertezza relativa a parere o apparire evidentemente, a quella che secondo la critica citata dovrebbe essere una certezza quasi assoluta o magari anche assoluta. Secondo la spazialità propria del verbo parere dunque nel latino e nel volgare medioevale e nell’italiano attuale non vi è alcuna opposizione semantica tra parereapparire e sembrare e meno che mai vi è opposizione nel contesto del sonetto tutto incentrato innanzitutto sul sembrare anche se non solo, ossia: sembra veramente una cosa venuta dal cielo, appunto sembra proprio, ma in Dante non è – malgrado affermino al contrario con decisione Contini e critica a lui conforme –, bensì vi è solo molto fine e profonda complessità del concetto espresso linguisticamente nel verbo in questione ab origine senza, per usare una metafora, enclave temporale e concettuale nel Medioevo. Quanto al d’umiltà vestuta (6), l’umiltà si addiceva al comportamento della donna che doveva e magari deve ancora essere umile oggi da qualche parte nel mondo, l’autoconsapevolezza pare essere legittima, implicitamente, solo ai maschi, non compete alla donna, così è stando al testo del sonetto. Beatrice sembra dunque essere veramente cosa meravigliosa che giunge in terra mandata da Dio che così mostra la propria grandezza, all’apparenza un maschio pure lui, felicemente unito agli uomini in terra nell’ammirazione per la donna che vale quindi per la sua bellezza quando ce l’ha, ma non per altro. Una donna gentile e bellissima ovviamente: una donna non bella non avrebbe diritti nel sogno dantesco, di impronta maschile e divina, come accennato. Coerentemente, la ragione, l’intelligenza, l’autoconsapevolezza, la saggezza non le si addicono, sono impersonate da Virgilio, un maschio – solo nell’allegoria senza basi nel testo, nella pura costruzione esteriore Beatrice può impersonare la Filosofia – non certo della scienza come appare dai contesti – e la Teologia, quindi una filosofia religiosa, sottomessa alla divinità. Si potrebbe obiettare che anche i maschi lo fossero, non così Dante che in molte occasioni si erge a giudice dello stesso Dio anche esplicitamente, ma di ciò non è qui il discorso specifico.

Sembrerebbe dunque che la donna gentile rappresenti la donna buona, per bene, che sappia stare al suo posto e che, pur facendo sognare i maschi in un sensuale erotismo spiritualizzato in qualche modo ed essendone consapevole, nonché ponendosi come modello per le altre donne, rimanga umile, ossia non insuperbisca per gli effetti della sua bellezza. Una donna che tutti gli uomini vorrebbero avere come moglie o compagna o sorella o madre, una donna completamente inserita in seno al suo ruolo di piena sottomissione al mondo delle più variegate esigenze maschili, come appaiono nel sonetto. Quanto alla rilevanza del significato del verbo parere nel sonetto a proposito di Beatrice, essa, secondo il testo, pareappare e parendo e apparendo sembra dotata di tutte le qualità mentre saluta, qualità desiderate da Dante, dall’uomo e dal poeta, qualità che essa appunto potrebbe mostrare senza avere in realtà, proprio grazie all’uso comune del verbo parere. Come donna in generale essa, che può parere apparire e sembrare ciò che non è, si rivela, in base alla diversa opportunità una donna forgiata secondo il letto di Procuste delle richieste e necessità della personalità dantesca e in generale maschile nel Medioevo, immagine femminile traghettata anche nell’epoca attuale, una donna gentile, assoggettata alle richieste maschili. In altri termini: qualora si analizzi la donna gentile o meno gentile di Dante per quanto di essa appaia, essa risulta una donna svalutata come essere umano e sottomessa: non parla, solo saluta umilmente conscia del suo splendore, ossia mostrando la sua bellezza con umiltà, con modestia, senza insuperbire per l’ammirazione altrui, tutto qua. Il dolce stil novo e l’idealizzazione della donna – non ci interessano qui i risvolti sociali della nobiltà d’animo e non di casato rivendicati dall’incipiente autoconsapevolezza borghese – in un’immagine costruita secondo i desideri maschili risultano, in questa analisi, categorie dello spirito dantesco e modalità del potere maschile di tutti i tempi. In questo, tra il molto altro, Dante è uomo anche moderno, così come pure l’uomo moderno è uomo anche medioevale.

Concludendo con un giudizio basato sulla Commedia: a Virgilio, uomo, l’audace compito di fungere da massimo modello artistico di poesia, nonché da guida negli ambiti della ragione unitamente alla libertà, compagna inseparabile della natura della ragione; a Beatrice, donna, il casto compito di fungere da guida negli ambiti della religione unitamente alla sottomissione, compagna inseparabile della natura della religione.

Rita Mascialino

 

                         22 settembre 2023 ‘Studio Fotografico Valentina Venier Udine

 

 

 

 

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Linguaggio e significato – Una prospettiva evoluzionistica. Parte II, L’oggettività del significato, Cap. I, 93-96, 97
Dalla Tesi di Laurea Specialistica in ‘Scienze Preistoriche’
RITA MASCIALINO: LA BARBA DEL ‘MOSÈ’ DI MICHELANGELO: ANALISI E INTERPRETAZIONE
RITA MASCIALINO: ‘RIFLESSIONI SULLE VESTIGIA DELL’IMPERO DI CARLO MAGNO NELLA STRUTTURA GENERALE DELL’UNIONE EUROPEA’